Sparks a Bratislava – L’approccio BMC® per la cura dei bisogni speciali

Si è conclusa recentemente a Bratislava la quinta mobilità transnazionale del progetto “Sparks per bisogni speciali”, il programma europeo di ricerca e confronto interculturale nell’ambito di nuove metodologie di cura e integrazione delle persone con diverse abilità. Al centro dei lavori, il workshop di Bonnie Bainbridge Cohen sugli ultimi sviluppi del BMC® nell’interazione con i bambini con bisogni speciali e le loro famiglie.

Il meeting, dal 17 al 22 settembre 2014, è stato organizzato da Babyfit, partner del progetto Sparks in rappresentanza della Slovacchia. Gli altri membri sono Soma per la Francia, Artman per l’Ungheria, Embodymove per il Regno Unito e Leben nuova per l’Italia.

Evento centrale di questo appuntamento è stato il workshop “Engaging the Whole Child”, condotto dalla fondatrice del Body-Mind Centering© Bonnie Bainbrige Cohen. Cinque giornate di studio esperienziale, intense e coinvolgenti, cui hanno partecipato circa quaranta professionisti BMC®, tra Practitioner ed educatori IDME e SME; molti di loro anche membri del progetto Sparks.

Per i non addetti ai lavori, ricordiamo che Bonnie Bainbridge Cohen è maestra e ispiratrice di un approccio all’educazione del movimento somatico che studia le relazioni tra mente ed espressioni corporee, osservando in modo particolare l’evoluzione delle dinamiche percettive e dei processi psicofisici nei primi mesi di vita. L’insieme del suo lavoro ha quindi una influenza molto rilevante sul progetto Sparks, il cui obiettivo principale è proprio la definizione e la diffusione di nuove metodologie di cura per la disabilità fondate sulla consapevolezza e l’autoregolazione del sistema corpo-mente.

Bonnie Bainbridge CohenIl workshop di Bratislava, come spiega il titolo “Engaging the Whole Child”, era basato sull’importanza terapeutica di coinvolgere il bambino nella sua totalità, rendere lui e la sua famiglia parte integrante e attiva del processo di crescita/cura.
Con inesauribile energia e con il suo personalissimo metodo, empatico e illuminante, Bonnie Bainbridge Cohen ha tenuto ogni giorno due lezioni, una la mattina e una il pomeriggio. Entrambe iniziavano con sessioni di lavoro con bambini con bisogni speciali (invitati dall’associazione ospite Babyfit), e sull’esperienza di quelle interazioni Bonnie costruiva poi la lezione, proponendo temi specifici che venivano approfonditi sia attraverso il confronto verbale sia attraverso l’esplorazione esperienziale.
I bambini invitati sono affetti da condizioni di vario tipo (anomalie genetiche, paralisi cerebrale infantile, atrofia cerebrale e altre disfunzioni neurologiche, ritardo mentale grave).

Alla sessione hanno partecipato attivamente le mamme dei bambini e alcuni colleghi BMC, che in qualche caso erano gli operatori di riferimento per i bambini in questione. Per le educatrici di Babyfit, alcune delle quali conoscevano e seguivano già i bimbi, è stata quindi un’occasione di forte crescita e approfondimento del rapporto con i genitori e i piccoli stessi.

In generale, si è trattato di un lavoro in profondità, originale e di straordinaria potenza per i partecipanti. Soprattutto per l’opportunità di poter vedere i bambini cambiare nel corso della sessione (trovando, per esempio, più sostegno e allineamento rispetto nella linea mediana, o riuscendo a fare dei movimenti a cui prima non avevano accesso).
Dal molto materiale girato in video durante il workshop saranno realizzati dei dvd, a scopo educativo e di documentazione.

Dopo questo evento importantissimo per il mondo BMC in generale, il gruppo Sparks si è riunito per elaborare insieme le esperienze dei cinque giorni condivisi con Bonnie e per fare il punto sui lavori del progetto.
Del gruppo Sparks Italia hanno partecipato 4 persone, tutte tornate entusiaste e già pronte per il prossimo appuntamento Sparks, in programma a Budapest a gennaio 2015.