Il video del meeting SPARKS a Tuscania, aprile 2014

 

https://vimeo.com/111001868Video prodotto da Leben nuova nell’ambito del progetto SPARKS – Pratiche somatiche, arte e creatività per bisogni speciali

Ideato da Gloria Desideri e realizzato in collaborazione con Guido Votano, che ne ha curato le riprese e il montaggio, il video è prodotto da Leben nuova come materiale di documentazione e divulgazione nell’ambito del progetto “Sparks – Pratiche somatiche, arte e creatività per bisogni speciali”, finanziato dalla Unione europea – Azione Grundtvig Learning Partnership.

Girato in occasione dell’incontro transnazionale Sparks che si è tenuto a Tuscania (Viterbo, Italia) nell’aprile 2014 il film racconta, e fa rivivere attraverso immagini e interviste, alcuni momenti significativi delle varie giornate di lavori cui hanno partecipato rappresentanti delle cinque organizzazioni europee impegnate nel progetto: Babyfit (Slovacchia), SOMA (Francia), ArtMan (Ungheria), Embody Move Association (Regno Unito) e Leben nuova (Italia) . Il video testimonia, inoltre, dello scambio di esperienze tra i membri Sparks e gli operatori socio-sanitari del territorio della provincia di Viterbo coordinati dal dipartimento di neuropsichiatria infantile AUSL VT.

Il film completo, della durata di circa 12 minuti, è online a disposizione chiunque fosse interessato ad approfondire il lavoro del gruppo Sparks. Guardate, commentate e condividete, se vi va! Ogni domanda, osservazione suggerimento sarà prezioso per Leben e per gli sviluppi del progetto.

Progetto Sparks per bisogni speciali: riflessioni dopo l’incontro transazionale a Tuscania

L’aprile scorso a Tuscania (Viterbo), Leben nuova ha organizzato il quarto dei 7 meeting transazionali previsti dal progetto biennale europeo di partenariato “Sparks – Somatic Practices, Art And Creativity For Special Needs”. Un programma di ricerca e scambio tra 5 organizzazioni, di 5 Paesi europei, per definire nuovi modelli di cura e assistenza alle persone con bisogni speciali. All’evento di 5 giorni, oltre a 9 membri dello staff Sparks italiano e a 19 colleghi provenienti da Slovacchia, Francia, Ungheria, Regno Unito, hanno partecipato operatori attivi sul territorio. Nell’insieme si è trattato di un programma intenso, articolato e fitto di impegni che si sono svolti in vari contesti. 

Dopo un breve incontro di benvenuto ai partner stranieri, arrivati a Tuscania la sera di giovedì 3 aprile, i lavori si sono aperti venerdì mattina con la visita del gruppo Sparks alla sede dell’Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile ASL-Viterbo. La visita è stata preceduta da un’accurata presentazione del direttore sanitario, dr. Marco Marcelli, che ha illustrato l’impostazione del servizio pubblico da lui diretto. Un servizio fortemente radicato nel territorio, basato su un modello sociale della disabilità che mette al centro la qualità della vita e la partecipazione, che valorizza la sinergia tra iniziativa pubblica e privata, che collabora con numerose associazioni, cooperative e altre organizzazioni locali, e che promuove progetti pluridirezionali, innovativi, integrati e interistituzionali. Il gruppo Sparks si è quindi diviso in piccoli sottogruppi che hanno osservato le attività terapeutiche-riabilitative svolte nei vari spazi di cui l’Unità dispone (ambulatori, sale per attività di gruppo, maneggio e fattoria didattica, piscina, laboratori artistici, aree ricreative, laboratori scolastici integrati, ecc.); attività condotte da operatori, educatori, istruttori e volontari.

Leben nuova - Tuscania _ Sparks: somatica, arte e creatività per bisogni speciali

Il dottor Marco Marcelli, direttore sanitario della UOC di Neuropsichiatria Infantile ASL-Viterbo.

Il sabato, un gruppo di 18 partecipanti, tra operatori socio-sanitari, educatori e insegnanti di sostegno, ha partecipato a un seminario esperienziale di un’intera giornata presso il Supercinema di Tuscania. Condotto da Gloria Desideri e inteso come introduzione ad alcuni principi fondamentali del Body-Mind Centering, il seminario è stato occasione per gli operatori sociosanitari di sperimentare il continuum corpo-mente in chiave evolutiva attraverso l’utilizzo del tocco, del movimento guidato e improvvisato e di elementi di anatomia esperienziale. “Emozionante è stato vedere i colleghi con cui lavoro al servizio e i colleghi dello Sparks con cui condivido il percorso di formazione e di ricerca attraverso il BMC, esplorare insieme, muoversi, toccare, scambiare verbalmente le esperienze”, ha commentato Maddalena Insogna, fisioterapista presso l’UOC di Viterbo e al tempo stesso parte del gruppo Sparks-Italia. “Ho visto due mondi, entrambi parte della mia vita professionale e personale – ha aggiunto – che in quel momento si completavano e si sostenevano l’uno con l’altro!
La serata si è conclusa all’insegna dell’emozione, con lo spettacolo Appunti di viaggio, metafora dell’incontro delle diversità proposta dalla “Compagnia della mia misura”, un laboratorio teatrale condotto da Roberta Bassani e Vittoria La Costa in cui l’arte, la danza e il movimento diventano spazio di espressione e integrazione per le persone con diverse abilità.
Domenica è stata invece una giornata di riflessione, approfondimento e socializzazione per i partner Sparks, che si sono riuniti in modo informale alla “Casa del vento”, la suggestiva sede di Leben nuova nella campagna appena fuori le mura di Tuscania. Qui, in piccoli gruppi, i partecipanti hanno analizzato punti di contatto e punti di distanza tra i sistemi di cura tradizionali e l’approccio BMC. In generale, la giornata ha permesso lo scambio di idee ed esperienze, oltre che piacevoli momenti di convivialità.
Più istituzionale il lavoro del lunedì, con la riunione gestionale del direttivo Sparks in cui si è fatto il punto generale sul percorso svolto e sui prossimi passi da intraprendere.
Per chiudere il cerchio, l’ultimo giorno alcuni colleghi stranieri e il gruppo Sparks-Italia si sono di nuovo confrontati con il direttore sanitario dr. Marcelli e alcuni operatori asl per uno scambio di opinioni conclusivo. Prima di salutarsi, tutti hanno espresso la sensazione di aver condiviso un’esperienza molto significativa e di poterne trarre spunti di riflessione e insegnamento.
Nel complesso, le cinque giornate hanno rappresentato un’eccezionale occasione di arricchimento culturale, e una crescita professionale e umana nell’incontro tra persone di diverso background, lingua, ed esperienza nel campo della cura e dell’educazione.
workshop sparks supercinemaPer molti degli ospiti stranieri in particolare, l’incontro-confronto con una realtà territoriale diversa, nella cornice di un luogo accogliente e intriso di fascino, è stata un’esperienza significativa e inaspettata.
Secondo Gloria Desideri, che in prima persona si è impegnata moltissimo perché tutto questo si potesse realizzare, e che conosce a fondo la realtà della UOC di Neuropsichiatria infantile di Viterbo, il principale elemento di consonanza tra i due gruppi di lavoro è “la visione globale che si ha della persona: non mettiamo al centro la malattia, ma l’individuo, nel contesto del suo ambiente (famiglia, scuola, servizi) cercando di creare le condizioni che permettono a quella persona di sviluppare al massimo le sue potenzialità, verso una migliore qualità della vita. È fondamentale che ogni percorso terapeutico ed educativo sia disegnato sull’individuo, e non seguendo schemi di routine”.
Un altro elemento comune, molto importante, è il concetto di integrazione, che tuttavia in BMC non è intesa solo come inclusione sociale o complementarità delle metodologie di cura ma, come sottolinea Laura Banfi dello staff di Spark Italia, soprattutto come “allineamento e organizzazione interna della persona nei suoi vari aspetti: fisico, mentale, emozionale”.
Ed è proprio su questo aspetto delicatissimo, cioè sulla necessità di modulare la cura sulle esigenze della persona, e quindi sul tempo e sulla relazione, che emerge una differenza fondamentale rispetto al sistema sanitario pubblico. “Nel BMC il percorso è modulato sempre sui tempi fisiologici del paziente, un percorso efficace richiede la massima flessibilità da questo punto di vista, una cura speciale del setting, inteso anche come spazio fisico, e soprattutto un tipo di conoscenza e consapevolezza che l’operatore sviluppa avendo sperimentato su di sé, nel suo corpo, i processi che poi andrà a facilitare nei pazienti” spiega Danila Anzelini, anche lei parte del gruppo Sparks italiano.
Ed è abbastanza evidente come queste modalità non siano attualmente compatibili con la necessità di organizzare un servizio capillare a vasto raggio e accessibile a tutta la popolazione. E forse neanche con la presenza forte di una tradizione culturale in cui corpo e mente sono ancora intesi come aspetti separati.
In conclusione, l’evento nel suo insieme ha rafforzato in tutti i partecipanti la motivazione di ridefinire il proprio operato, mantenere alto il livello di dialogo tra discipline formali e informali, verificare tanto le pratiche consolidate quanto quelle in via di sperimentazione. E sull’onda di queste riflessioni ed emozioni, cominciamo a prepararci per il prossimo incontro transnazionale in programma a Bratislava dal 16 al 20 settembre.

a cura della redazione